In questa sezione puoi trovare un elenco delle principali domande che i nostri clienti ci rivolgono.
se non trovi la risposta alla tua domanda, ti consigliamo di scriverci a: hollywood@discotecahollywood.com

Quando è nato l’Hollywood?
La Discoteca di C.so Como nasce nel settembre del 1973 con il nome "Mandala" e viene ribattezzata "Hollywood" nel 1982. E' consuetudine però, per il mondo della notte milanese, considerare il 15 gennaio del 1986 la data di nascita del locale (soprattutto per la sua fama internazionale) in quanto corrisponde all'inizio della gestione del Dj Ringo e dell'Art Director Roberto Galli.

Cosa c’era prima in C.so Como?
Negli anni ’80 C.so Como era solo il nome di una Via al limite delle zoneconsiderate a Milano “semiperiferiche”. La nascita dell’Hollywood Rythmoteque ha determinato il grande cambiamento dell’area Repubblica Graibaldi che sta per sfociare nel progetto “la città della moda”. L’Hollywood è stato la “spinta” in avanti che tutta la città chiedeva (siamo nell’86, gli anni della Milano da bere). Persino il sovraffollamento di locali che sono successivamente nati nell’intera area non ha minimamente scalfito la leadership del locale, anzi ne ha stimolato la reazione alla competitività e all’aggionamento.

Il locale cambia il look ogni anno?
Ogni stagione (che va da fine settembre a fine luglio) nel periodo di chiusura di agosto, l’Hollywood “cambia pelle”.Il restayling è affidato annualmente ad un team creativo interno che soprattutto nell’ultimo decennio ha visto l’elaborazione d’idee scaturite principalmente dal “gruppo Pervert” i prs della serata del mercoledì (quella più di tendenza e poiù trasgressiva).

La musica dell’Hollywood è considerata da molti “speciale” perché?
La programmazione musicale che la Discoteca propone ogni sera spazia tutti i generi “ballabili”, dalla house-dance più tradizionale al rock, dal rap all’hip hop, dall’r’n’b al reggae. Proprio la costante attenzione al nascere di nuovi generi di musica e la scelta di determinati dischi (a volte nemmeno programmati da altri clubs o dalle radio nazionali) trasforma la selezione dei dee jays residents in un mix unico ed esclusivo. La costante ricerca di nuovo materiale sonoro effettuata “in loco” dalla Direzione Artistica dell’Hollywood (dall’asia al sud america, dall’europa agli sates) sono patrimonio “storico” della Rythmoteque (letteralamente: contenitore di suoni, termine con cui il locale si autodefinisce da vent’anni).

La consolle dell’Hollywood ha come caratteristica quella di avere pochi guests e dei dee jay residents “storici” come mai?
La consolle dell’Hollywood si è consolidata negli anni come un vero e proprio palcoscenico per dee jays e artisti proprio perché molto selettiva.Gli ospiti che salgono a far “girare i dischi” lo fanno per passione, per un pubblico che ogni sera è pronto a farsi coinvolgere con entusiasmo.Su questo mini-palco si sono esibiti (per il piacere di farlo e non per “cash”) da Fiorello a Giovanotti da Articolo 31 a Giorgio Prezioso, da Tupac ai Public Enemy, da Who Kid a Busta Ryhmes. Inoltre da qui hanno iniziato la loro carriera i “nazionali” Dj Ringo, Fabio B (radio Deejay), Massimino Lippoli (Sueno latino).

E’ vero che le toilettes delle femmine hanno la “vista”sul bagno dei maschi?
Vero. Un cristallo che dal lato degli “uomini” è riflettente e dal lato delle “donne” è trasparente, permette al pubblico femminile di vedere i maschi senza che questi possano vedere le “spettatrici”. La zona interessata da questo “specchio segreto” è quella dei lavandini. L’escamotage adottato nei bagni delll’Hollywood ha fatto e continua fare notizia in tutto il mondo. 

Come mai tanti starnieri all’Hollywood?
Già nel 1986 al suo nascere il locale si contraddistingue per la peculiarità di essere un melting pot di gente da tutto il mondo.La musica è il motivo di aggregazione che alimenta quotidianamente questo fenomeno. L’Hollywood è un locale che musicalmente non conosce frontiere e proprio per questo ognuno da qualsiasi parte del mondo provenga si sente a “casa”L’esempio più recente è la serata del martedì che unisce sotto lo stesso “tetto” ragazzi e ragazze di ogni colore, sesso, religione ed età per ballare un genere di musica che proprio nell’interrazialità hale sue radici: l’Hip Hop.

E’ vero che sono tante le belle ragazze e soprattutto le modelle che frequentano il locale?
La Discoteca Hollywood si è sempre contraddistinta per essere una discoteca frequentata da tante belle donne. Alcuni tra i nostri clienti storici ricordano sicuramente i primi anni di apertura dove la selezione all’ingresso favoriva solo le femmine in proporzione di 6 a1 rispetto ai maschi.Inoltre le srutture di public relations della Discoteca sono costituite da veri e propri “models hunters” che frequentando quotidianamente i casting e i luoghi di ritrovo delle modelle, ottengono il seguito di ragazze che sono “professionalmente” considerate “beauty symbols”. Tra queste molte delle attuali top models o delle più famosi attrici internazionali sono state assidue frequentatrici della Discoteca proprio per l’abilità di questi ragazzi-prs addetti alle “belle donne” e sicuramente tra le frequentatrici odierne dell’Hollywood c’è qualche Ciny Crawford o Charlize Theron. (Queste come Angie Heverart, Georgina, Eva Herzigowa, Carmen Kass, Angie Harmon, Brigitte Nilsen, Elenoire Casalagno o Aida Yespica possono citare la nostra Discoteca come il locale dove hanno passato tante delle notti nei periodi della loro permanenza a Milano.

L’Hollywood è famoso per essere il locale dei VIP. Chi sono questi personaggi?
Da venti anni a questa parte la Discoteca di C.so Como è meta costante per le celebrities dello show business, dello sport e per tutti i protagonisti delle cronache mondane internazionali. Ben più di 1000 sono i nomi dei VIP della Hall of Fame.

 
 
 
 
Booking Tavoli e Compleanni +39.328.1519288